Easter Parade in NYC

Come anticipato nel precedente post, è giunto il momento di raccontarvi qualcosa della tradizionale Easter Parade, che si svolge tutti gli anni a New York.

Per vederla dovete recarvi il giorno di Pasqua, tra le 10 e le 16, sulla Fifth Avenue, tra la 49th Street e la 57th Street.
Iniziamo con il chiarire che non è una classica parata come ci si potrebbe aspettare dal nome…in effetti non ci sono sfilate, nè bande musicali, nè festeggiamenti particolari! Si tratta semplicemente di una passeggiata su e giù per la Fifth Avenue addobbati con cappelli davvero molto originali (a volte anche con costumi interi), mischiandosi alla folla e facendosi ammirare e fotografare. Noi, che quel giorno eravamo arrivati in zona solo alle 15 passate (dopo la messa gospel ad Harlem), vedendo solo qualche persona stranamente conciata qua è là lungo la strada, abbiamo pensato di esserci persi tutta la festa e di poterne vedere solo gli ultimi strascichi. Poi la sera, studiando meglio la cosa, ci siamo resi conto che in realtà la parata era esattamente quello che avevamo visto!!

La tradizione nacque nel XIX secolo, quando le ricche signore, addobbate di tutto punto per il giorno di Pasqua con tanto di imperdibile cappello, uscivano dalla chiesa dopo la funzione e facevano una passeggiata lungo le strade. L’evento divenne ben presto una sorta di occasione per farsi ammirare e sfoggiare le ultime novità in fatto di moda.

Col passare dei decenni l’originalità di cappelli e costumi si è spinta fino all’esasperazione…diciamo che attualmente non si tratta più di scoprire le ultime tendenze, ma piuttosto di farsi qualche simpatica risata!

Ecco qualche scatto della parata di quest’anno:

IMG_2314

IMG_2315

IMG_2316

IMG_2318

IMG_2319

IMG_2323

 

IMG_2326

IMG_2329

IMG_2330

IMG_2332

IMG_2334

IMG_2335

 

Di ritorno da New York

Come prima volta nel continente americano abbiamo scelto una meta classica ed intramontabile, la metropoli per eccellenza, la città che tutti sognano, ma che già in realtà conoscono perfettamente (se non altro dai film). Quella che, almeno dai racconti di chi ci è giá stato…la visiti, ti innamori e non puoi fare a meno di tornarci o, ancora meglio, di andarci a vivere subito!! New York, la città che è un mondo a sè e che probabilmente ha ben poco a che fare con il resto degli USA.
Le aspettative del pre-partenza erano altissime, visti i commenti dei nostri amici, ma allo stesso tempo eravamo perplessi…in fondo è una città piena di casino e di cemento, che ci potrà mai essere di così meraviglioso???

IMG_2366

Come nella mia solita tradizione, i viaggi “semplici” come questo si organizzano per conto proprio: abbiamo prenotato aereo ed hotel svariati mesi prima con Expedia (tutto perfetto e conveniente come sempre), con la quale abbiamo anche stipulato l’assicurazione sanitaria. Per la visita mi sono informata tramite internet e guide e ho preparato un programma serratissimo di impegni giornalieri per vedere di tutto e di più…so che bisognerebbe godersi la vacanza e sarebbe bello anche passeggiare senza meta e senza orari, ma io sono fatta così…senza un preciso programma di viaggio temo di sprecare tempo e perdermi qualcosa di importante!

Partiamo da un breve inquadramento, per chi non fosse molto preparato…New York è una città di oltre 8milioni di abitanti ed è suddivisa in 5 principali distretti: Brooklyn, Queens, Staten Island, Bronx e Manhattan. Praticamente tutte le attrazioni turistiche si trovano in quest’ultimo, un isolotto da 1,5milioni di persone (come Milano) stretto e lungo, perfettamente interconnesso con svariate linee di metropolitana. A sua volta Manhattan si divide in Uppertown (la parte più a nord), Midtown e Downtown….la cosa caratteristica è che l’altezza degli edifici aumenta in maniera inversamente proporzionale alla latitudine!

IMG_1901

Vi riporto il mio personalissimo itinerario, che si basava ovviamente sui nostri interessi e che siamo riusciti a completare solo grazie a lunghissime ed estenuanti scarpinate, uscendo dall’hotel la mattina alle 9 e rientrandovi solo la sera alle 22-23!

Primo giorno:
Visita combinata di Ellis Island e Liberty Island con la statua della libertà, per iniziare subito dal più conosciuto simbolo di New York, che da decenni dà il proprio benvenuto a chi arriva in città dal mare. Tenete conto di 4-5h per la gita completa e visita al museo dell’immigrazione. Al rientro a Manhattan abbiamo preso la metro fino alla prima fermata di Brooklyn, passeggiato per il quartiere di Dumbo, attraversato poi il ponte a piedi e camminato fino a raggiungere Soho e Chinatown.

IMG_1789

IMG_1813

IMG_1849

IMG_1868

Secondo giorno:
Mattinata al Natural History Museum (3h e siamo scappati per la disperazione avendone visto metà velocemente…troppa gente!!) e pomeriggio dedicato ad un giro quasi completo di Central Park. Serata nella delirante Times Square e negozi circostanti, per finire in bellezza la nottata con la salita sull’Empire State Building ad ammirare la città illuminata

IMG_1933

IMG_1978

P1050057

IMG_1992

IMG_2080

IMG_2081

Terzo giorno:
MoMa (4h per visitarlo quasi tutto tranne alcune mostre temporanee che non ci interessavano), National Library e Grand Central Station, passeggiando tranquillamente per le strade.

IMG_2165

IMG_2182

Quarto giorno:
High Line e Chelsea Market in mattinata, veloce salto alla caserma dei Ghostbuster in Fulton Street (c’è la metro proprio lì davanti) e World Trade Center (un paio di ore tra code e visita). Nel tardo pomeriggio ci siamo imbarcati sullo Staten Island Ferry (il traghetto gratuito che in una ventina di minuti collega Manhattan a Staten Island) per ammirare da vicino la statua della libertà al tramonto, visto che le passa proprio davanti.

P1050124

P1050166

P1050179

P1050191

IMG_2242

Quinto giorno:
Era la domenica di Pasqua, quindi siamo partiti di buon’ora per andare a vedere una messa con cori gospel in una chiesa di Harlem. Il quartiere è all’estremo nord di Manhattan, ovvero esattamente dalla parte opposta rispetto al nostro hotel. La messa è iniziata alle 11 e durata un paio d’ore. Nel pomeriggio siamo stati al Rockfeller Centre e saliti sul Top of  the Rock per un altro spettacolare panorama, stavolta però diurno!

IMG_2364

IMG_2349

Sesto ed ultimo giorno:
Serata dedicata interamente agli ultimi 2 musei che non volevamo perdere, il MET (4h per visitare solo le aree che ci interessavano maggiormente) ed il Guggenheim (1,5h). Qui abbiamo trovato un’esposizione temporanea sul futurismo italiano, con molti quadri che venivano…dalla nostra città (!!), quindi siamo andati piuttosto veloci. La collezione permanente è veramente risicata, solo una ventina di quadri, per cui si visita molto velocemente. A parte le esposizioni temporanee che troverete all’interno, il bello di questo museo è decisamente l’architettura!

P1050336

P1050361

P1050364

P1050363

P1050369


Di seguito provo a darvi qualche piccolo suggerimento su vari aspetti, in ordine casuale così come mi vengono in mente:

1) per questa vacanza noi abbiamo alloggiato al Wall Street Inn, in William Street nel Financial District, vicino a Wall Street. Dalla mappa si vede che è in una zona molto a sud di Manhattan, sembra quasi periferica…in realtà, visto che proprio a sud l’isolotto si assottiglia, moltissime linee della metropolitana convergono verso questa punta! Per cui la posizione dell’ hotel per quanto riguarda la metro era veramente comodissima e raggiungibile da qualunque altra zona di Manhattan.
2) Central Park è enorme…ma non troppo! Se avete una mezza giornata a disposizione e buone gambe è decisamente meglio girarlo a piedi. Molti cercheranno di proporvi biciclette a noleggio all’ingresso del parco: attenzione, non è possibile con queste percorrere i numerosi sentieri che si dipartono all’interno, ma solo le strade principali che corrono per lo più lungo il perimetro!
3) se volete ammirare il panorama dall’Empire State Building armatevi di santa santissima pazienza…sarà stato anche complice il periodo di Pasqua, ma noi siamo andati lì alle 23 ed abbiamo comunque fatto quasi 2h di coda! Non voglio immaginare cosa sia in orario diurno! Comunque, come consigliano le guide, andateci prima delle 9 di mattina o dopo le 22 di sera…ci vorrà comunque tanta pazienza, ma la vista da lassù vale davvero l’attesa!
4) noi abbiamo assistito alla messa con cori gospel presso la Saleem United Methodist Church, all’incrocio tra Adam Clayton Powell Boulevard e la 129th Street. La chiesa non fa parte dei classici circuiti turistici delle agenzie locali ed è ancora relativamente poco conosciuta, pertanto, nonostante la Pasqua, non abbiamo fatto code particolari per entrare e c’era sufficiente posto sulla balconata al primo piano per sedersi…temo comunque che la voce si stia diffondendo parecchio (v.tripadvisor) per cui la pacchia durerà ancora poco!
5) evitate gli autobus come mezzo di trasporto, a meno che non siate stanchi morti e non abbiate immediatamente bisogno di posare il vostro fondoschiena da qualche parte…il traffico è talmente intasato che rischiate di metterci mezz’ora per fare 500m! Decisamente meglio la metro!
6) a proposito di metro, quando decidete di imboccare un ingresso, prima di scendere nella stazione sotterranea leggete i cartelli che trovate sopra le scale e controllate che la direzione indicata sia quella dove volete andare! Contrariamente alle metro italiane, in molti casi non è possibile scegliere la direzione di percorrenza all’interno della stazione e quindi sbagliare ingresso vi costringerà a risalire le scale, attraversare la strada e scendere nuovamente dall’altra parte…e quando avete le gambe doloranti causa decine di km già macinati non è assolutamente piacevole!!!

Infine…tornando alla domanda iniziale…che ci sarà di tanto bello a New York? E’ davvero così splendida?

Anche qui la mia personalissima opinione: la città in sè non è nulla di speciale, ci sono begli scorci, bei palazzi e panorami davvero splendidi dall’alto, ma molte strade in pieno centro sono assolutamente insignificanti o addirittura bruttine. Noi abbiamo odiato e detestato soprattutto le osannatissime Times Square e la Fifth Avenue…luoghi incasinati alla massima potenza con nulla di interessante da vedere se non il frutto tangibile del delirio umano…

Ci sono però, come dicevo prima, anche stradine caratteristiche e bei posti per rilassarsi, come il quartiere di Dumbo o Harlem, Central Park o la High Line. Per quanto riguarda lo shopping, sarà che io sono tutt’altro che patita e che vengo da una grande città, ma non ho visto veramente nulla che non potessi già trovare a Milano o Roma. I musei sono davvero spettacolari, ma a volte talmente enormi da disorientarti e sfinirti prima di riuscire ad apprezzarli interamente. La Statua della Libertà è un simbolo unico, che comunque va assolutamente vista e vissuta assieme al museo dell’immigrazione. A me inoltre è piaciuta molto la messa ad Harlem, davvero particolare! Avremmo voluto anche assistere ad un musical a Broadway, ma, essendo la settimana di Pasqua, i prezzi dei biglietti erano secondo noi troppo cari ed abbiamo quindi rinunciato. In compenso, abbiamo assistito alla tradizionale Easter Parade, di cui vi parlerò in un prossimo post!

In fin dei conti l’esperienza è stata positiva: se non altro ti fa sentire, per una volta, davvero protagonista di uno di quei film che tante volte abbiamo già visto in tv!

Canada – Vancouver e parchi nazionali

Come primo itinerario di viaggio vi propongo un Paese che mi attira molto, nell’unico continente dove non ho ancora messo piede! Ed infatti ci piacerebbe che fosse una delle nostre prossime mete.

Si tratta di un viaggio di gruppo organizzato dalla Intrepid, un’agenzia australiana che ho conosciuto da poco e che mi piace perchè ha in catalogo moltissimi viaggi di tipo overland e abbastanza spartani (spesso si tratta di ostelli o campeggi), con prezzi decisamente contenuti. Si viaggia in gruppo in minivan/camion, con una guida esperta locale ed un autista, le spese sono pagate con una cassa comune. L’unico problema è che dovete assolutamente conoscere l’inglese, visto che è la lingua usata dalle guide e perchè i viaggiatori che si affidano a questo tour operator provengono in gran parte dai Paesi anglosassoni. Un’ottima occasione, quindi, per migliorare la propria conversazione!

L’itinerario si chiama “Canadian Rockies” ed è un giro di 15 giorni con partenza e ritorno da Vancouver, una delle più belle città del Canada.

L’itinerario si snoda attraverso le montagne canadesi e numerosi parchi nazionali, con panorami mozzafiato e natura selvaggia, circondati da ghiacciai, foreste, laghi e cascate. E’ anche possibile fare rafting, canoa, escursioni in mountain bike ed a piedi sui ghiacciai.

 La partenza da Vancouver è sempre di sabato, all’incirca ogni 2 settimane, fino a Settembre. Il prezzo a persona varia da € 1.256  a € 1.675 ,  a seconda del periodo (pasti esclusi, cassa comune inclusa).

Per tutti i dettagli: http://www.intrepidtravel.com/canada/canadian-rockies-49163

Contatti:

hoyoyoyo81@gmail.com

Disclaimer:

I contenuti del presente Blog hanno scopo puramente informativo e non rappresentano in alcun modo un'offerta di vendita o un consiglio di acquisto. L'autrice del blog non è legata, nè in alcun modo responsabile, dell'operato e dei servizi offerti dagli operatori turistici e dalle aziende citate. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono liberamente tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarlo via email ed essi saranno immediatamente rimossi. Allo stesso modo, saranno interamente rimossi eventuali post con proposte di itinerario legate a particolari operatori turistici, su esplicita richiesta degli stessi se non graditi per qualsiasi motivo. L'autrice del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto, che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Disclaimer

The contents of this blog are for informational purposes only and do not in any way constitute an offer or a recommendation to purchase. The author of the blog is not connected, nor in any way responsible of the services provided by the mentioned tour operators and companies . Some of the texts or images contained in this blog are freely taken from the net and thus considered as public information. If their publication violate any copyrights, please notify me via email and they will be promptly removed. The owner of this blog makes no representations as to the accuracy or completeness of any information on this site or found by following any link on this site.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: